LUISA MILLER di VERDI al Comunale di Bologna. Sul podio Daniel Oren, Protagonisti Myrtò Papatanasiu e Gregory Kunde

LUISA MILLER di VERDI al Comunale di Bologna. Sul podio Daniel Oren, Protagonisti Myrtò Papatanasiu e Gregory Kunde

LUISA MILLER di VERDI al Comunale di Bologna. Sul podio Daniel Oren, Protagonisti Myrtò Papatanasiu e Gregory Kunde

Regia, scene, costumi e luce marionanni. Nuova produzione del Teatro Comunale di Bologna. Dal 3 al 9 giugno 2022

TCBO: L’ARTISTA DELLA LUCE marionanni FIRMA

STAGIONE D’OPERA 2022 DEL TEATRO COMUNALE DI BOLOGNA

Luisa Miller

Melodramma tragico in tre atti

Libretto di Salvadore Cammarano dal dramma Kabale und Liebe di Friedrich Schiller

Musica di Giuseppe Verdi

Direttore Daniel Oren.

Regia, scene, costumi e luce marionanni.

Maestro del Coro Gea Garatti Ansini                      

Aiuto regia Gianni Marras

Assistente alle scene Manuela Gasperoni

Assistente ai costumi Stefania Scaraggi

Assistente alle luci Daniele Naldi

Personaggi e interpreti

Il conte di Walter Marko Mimica (3, 5, 7, 9 giugno) /Abramo Rosalen (4, 8 giugno)

Rodolfo Gregory Kunde (3, 5, 7, 9 giugno) / Giuseppe Gipali (4, 8 giugno)       

Federica Martina Belli (3, 5, 7, 9 giugno) / Sofia Koberidze (4, 8 giugno)

Wurm Gabriele Sagona

Miller Franco Vassallo (3, 5, 7, 9 giugno) / Leon Kim (4, 8 giugno)

Luisa Myrtò Papatanasiu (3, 5, 7, 9 giugno) / Marta Torbidoni (4, 8 giugno)

Laura Veta Pilipenko

Un contadino Haruo Kawakami (Scuola dell’Opera)

Orchestra, Coro e Tecnici del Teatro Comunale di Bologna

Nuova produzione del Teatro Comunale di Bologna

«L’arte totale è opera di genio e ingegno, si concretizza, semplicemente, con la grazia di una sostanza materica e simbolica, fisica e metafisica della luce: l’emozione del nulla. […] Dirigendo e governando ogni elemento, la luce fa sì che la scena, i volumi, i costumi, i gioielli, gli interpreti vivano e raccontino Luisa Miller di Verdi». È con questo pensiero – ispirato all’idea di opera d’arte totale teorizzata nel 1851 da Richard Wagner in Opera e dramma – che il progettista e artista della luce ravennate Mario Nanni (in arte marionanni), fondatore della nota azienda illuminotecnica Viabizzuno, firma per la prima volta regia, scene, costumi e luce di un’opera lirica. Si tratta della nuova produzione del Teatro Comunale di Bologna di Luisa Miller di Giuseppe Verdi, melodramma tragico in tre atti su libretto di Salvadore Cammarano, tratto da Kabale und Liebe (Intrigo e amore) di Friedrich Schiller, in programma in Sala Bibiena a partire da venerdì 3 giugno alle 20 (repliche fino al 9 giugno). Sul podio torna l’israeliano Daniel Oren, che lo scorso gennaio ha inaugurato la Stagione 2022 della Fondazione lirico-sinfonica felsinea dirigendo la Tosca di Puccini.

«Qualsiasi mio progetto è un’opera organica – spiega marionanni. Pittura, architettura, fotografia, musica, variazioni ambientali e di movimento, materia, tecniche e arti: la composizione è totale, al pari di un’orchestra di strumenti diretti dalla luce». marionanni, che lavora e studia nella sua casa museo Virgola a Bologna, lascerà che sia la luce, in armonia con la musica e il canto, a guidare tutte le arti e a raccontare lo spettacolo e le emozioni dei protagonisti. Sarà poi l’uso della luce nella pittura rinascimentale a ispirare le “scenografie di luce” create per l’opera e colori e dettagli dei costumi. Quattro sono gli oggetti di scena principali a fare da macchine teatrali in un melodramma che – sempre secondo l’artista – ha tra i suoi temi centrali la lotta di classe: una grande lampada che simboleggia il sole, un tavolo, elemento che accompagna l’uomo in tante situazioni diverse, l’albero del mondo semplice e contadino, e la poltrona del potere e della malvagità. Per questa Luisa Miller marionanni ha disegnato anche dei particolari “gioielli luminosi”.

Protagonisti il soprano greco Myrtò Papatanasiu nel ruolo del titolo, il tenore statunitense Gregory Kunde come Rodolfo, il baritono Franco Vassallo come Miller, il basso-baritono Marko Mimica nei panni del Conte di Walter e il mezzosoprano Martina Belli in quelli di Federica nelle recite del 3, 5, 7 e 9 giugno, che si alternano con Marta Torbidoni, Giuseppe Gipali, Leon Kim, Abramo Rosalen e Sofia Koberidze nelle recite del 4 e 8 giugno. Completano il cast Gabriele Sagona (Wurm), Veta Pilipenko (Laura) e Haruo Kawakami della Scuola dell’Opera del TCBO (Un contadino). L’Orchestra e il Coro, preparato da Gea Garatti Ansini, sono quelli del Teatro Comunale di Bologna.

Rappresentata per la prima volta al Teatro di San Carlo di Napoli nel 1849, a un passo dalla Trilogia popolare, Luisa Miller segnò una svolta nella produzione verdiana e nel processo di maturazione artistica e stilistica del compositore, che in quest’opera scelse di concentrarsi sulle passioni ed emozioni dell’animo umano.

Le recite saranno precedute – circa 45 minuti prima dell’inizio – da una breve presentazione dell’opera nel Foyer Rossini del Teatro Comunale.

I biglietti – da 10 a 120 euro – sono in vendita online tramite Vivaticket e presso la biglietteria del Teatro Comunale, aperta dal martedì al venerdì dalle 12 alle 18, il sabato dalle 11 alle 15 (Ingresso Piazza Verdi), nei giorni feriali di spettacolo da due ore prima e fino a 15 minuti dopo l’inizio e in quelli festivi da un’ora e mezza prima e fino a 15 minuti dopo l’inizio (Largo Respighi, 1).

Sipario:

Venerdì 3 giugno, Turno Prima, Opera yoU30, ore 20

Sabato 4 giugno, Turno Pomeriggi all’opera 2, ore 18

Domenica 5 giugno, Turno Domeniche all’opera, ore 16

Martedì 7 giugno, Turno Passione Opera, ore 20

Mercoledì 8 giugno, Turno Pomeriggi all’opera 1, ore 18

Giovedì 9 giugno, Turno Serate all’opera, ore 20

Pubblicato da Emozionienozioni

Emozioni e nozioni: un mondo nuovo da esplorare da scoprire per conoscersi, un viaggio verso nuove destinazioni e prospettive diverse. Ogni pagina è una magia e su emozionienozioni troverete non solo le immagini più accattivanti, ma curiosità, nozioni ed emozioni